Statuto Sociale approvato dall'Assemblea generale dei Soci il giorno 26.5.1967
ed aggiornato dall'Assemblea il giorno 19.11. 1982


Art. 1
L'Argonauta è una associazione apartitica, senza fini di lucro, fondata a Fano nell'anno 1967, avente per scopo la promozione e la diffusione delle conoscenze sulla natura, unitamente alla salvaguardia dell'ambiente e della qualità della vita umana. Ai fini del raggiungimento degli scopi predetti, l'Associazione può intraprendere tutte le attività ritenute opportune dal Consiglio Direttivo e dall'Assemblea dei Soci.

Art. 2
L'Associazione ha sede in Fano e si compone di un numero illimitato di Soci costituiti da persone fisiche e/o giuridiche che ne facciano esplicita richiesta.
Le persone giuridiche sono rappresentate dal loro legale rappresentante.

Art. 3
L'Associazione è retta da un Consiglio Direttivo composto da 7 membri - aumentabili a 9 o 11 - eletti a maggioranza di voti e a scrutinio segreto dai soci riuniti in assemblea.
Il Consiglio Direttivo è composto da un Presidente, un Vice Presidente, un Segretario, un Economo e da consiglieri eletti in seno al Consiglio Direttivo.

Art. 4
I membri del Consiglio Direttivo durano in carica due anni e sono rieleggibili.
Verificandosi vacanze nelle cariche sociali, subentrano i non eletti per ordine di successione nella graduatoria ottenuta nello scrutinio della votazione.
Se tale procedura non fosse possibile, il Consiglio Direttivo può provvedere per cooptazione.

Art. 5
Il Consiglio Direttivo può deliberate su tutti gli atti che non siano specificatamente riservati all'Assemblea dei Soci. Esso è convocato dal Presidente o da chi lo sostituisce in caso di suo impedimento, oppure su richiesta di almeno la metà dei membri del Consiglio stesso.
Le deliberazioni sono prese a maggioranza; a parità di voti prevale il voto del Presidente.

Art. 6
Nell'Assemblea ordinaria dei Soci vengono eletti due Sindaci Revisori, che hanno il compito di controllare ogni anno il bilancio consuntivo e di compilare la relazione che deve essere spiegata ai Soci assieme al bilancio stesso.
I Sindaci durano in carica un biennio e sono rieleggibili.
Non possono essere nominati Sindaci coloro che abbiano legami di parentela con i membri del Consiglio Direttivo.

Art. 7
Il Presidente rappresenta l'Associazione, convoca il Consiglio Direttivo e lo presiede; ha facoltà di prendere decisioni urgenti di ordinaria amministrazione; queste ultime dovranno essere successivamente ratificate dal Consiglio Direttivo. In caso di assenza o di impedimento del Presidente, tutte le sue mansioni spettano al Vice-Presidente.

Art. 8
I Soci sono divisi nelle seguenti categorie:
Sono Soci Ordinari coloro che abbiano compiuto il 18° anno di età; essi pagano per intero la quota sociale annua (stabilita dall'Assemblea dei Soci su proposta del Consiglio Direttivo) e godono di tutti i diritti e i vantaggi derivanti dal far parte dell'Associazione.
Sono Soci Sostenitori coloro che abbiano compiuto il l8° anno di età e paghino una quota annuale pari almeno al doppio di quella dei Soci Ordinari.
Sono Soci Giovani coloro che non abbiano compiuto il l8° anno di età; essi pagano una quota sociale annuale ridotta (stabilita dall'Assemblea su proposta del Consiglio Direttivo) e godono di tutti i diritti o benefici spettanti ai soci Ordinari, con esclusione del diritto di voto.
Sono Soci Familiari i membri di una famiglia nella quale esiste già un Socio Ordinario o Sostenitore; essi pagano una quota sociale annuale pari alla metà di quelle dei Soci Ordinari e Giovani, e godono di tutti i diritti e benefici a questi spettanti, al di fuori del ricevere gli avvisi e le pubblicazioni sociali.
Sono Soci Onorari coloro ai quali tale qualifica viene conferita dall'Assemblea su proposta del Consiglio Direttivo per particolari meriti acquisiti in campo naturalistico; essi non sono tenuti al pagamento di una quota sociale annuale, godono di tutti i benefici derivanti dall'appartenenza all'Associazione, ma non hanno diritto di voto.


Art. 9 L'ammontare delle quote sociali annuali è stabilita dall'Assemblea dei Soci su proposta del Consiglio Direttivo in carica. Il Socio che nel primo semestre dell'anno, dopo preavviso dell'economo, non versa la quota annuale, è sospeso dai diritti e benefici derivanti dall'appartenenza all'Associazione.

Art. 10
Per essere ammessi a fare parte dell'Associazione occorre presentare al Consiglio Direttivo una domanda scritta - controfirmata da due soci ordinari o sostenitori - contenente la dichiarazione di obbligo all'osservanza dello statuto e delle regole della Associazione stessa.
Sull'accettazione della domanda di ammissione decide il Consiglio Direttivo.

Art. 11
Il Socio che intende dimettersi dall'Associazione deve farlo per iscritto due mesi avanti la fine dell'anno.
Sono dichiarati decaduti dalla qualifica di socio coloro che incorrono in morosità nel versamento della quota annuale per due esercizi consecutivi.
Un Socio può essere espulso dall'Associazione per indegnità o per inosservanza delle disposizioni dello Statuto, delle regole dell'Associazione e delle deliberazioni degli organi sociali. Sull‘espulsione decide l'Assemblea dei Soci su proposta del Consiglio Direttivo.

Art. l2
L'Assemblea generale dei Soci è convocata in via ordinaria, mediante avviso scritto almeno 5 giorni prima, dal Presidente dell'Associazione, o da chi ne fa le veci, entro i primi 3 mesi di ciascun anno sociale, per la trattazione e l'approvazione di tutti gli atti e i temi attinenti alla vita e alla gestione dell'Associazione stessa proposti e sottoposti dal Consiglio Direttivo, ed elencati in ordine del giorno.
In particolare l'Assemblea:
L'Assemblea Generale può essere inoltre convocata, in via straordinaria, dal Presidente o su richiesta di almeno un quinto dei soci aventi diritto di voto, ogni qualvolta si renda necessaria la riunione dei soci per importanti o gravi motivi. I Soci possono farsi rappresentare in assemblea, tramite delega scritta, da altri soci; ogni delegato non potrà rappresentare più di due soci.

Art. 13
L'Assemblea dei Soci è validamente riunita in prima convocazione qualora siano presenti almeno la metà dei soci aventi diritto di voto, in seconda convocazione quale che sia il numero dei soci predetti.
Nell'Assemblea hanno diritto di voto i Soci Ordinari, Sostenitori e Familiari che siano in regola col pagamento delle quote sociali (arretrate).

Art. 14
E' facoltà del Consiglio Direttivo elaborare e stabilire norme regolamentari per l'applicazione del presente Statuto, e per l'attività e gestione dell'Associazione; tali norme devono essere sottoposte all'approvazione dell'Assemblea dei Soci.

Art. 15
In caso di scioglimento dell'Associazione i beni patrimoniali non possono essere divisi fra i soci, ma devono essere devoluti ad altre Associazioni che abbiano scopi analoghi a quelli dell'Argonauta e che preferibilmente operino nelle Marche.
Sullo scioglimento dell'Associazione e la devoluzione dei beni decide l'Assemblea dei Soci.

Art. 16
Per tutto quanto non contemplato nel presente statuto si fa riferimento alle vigenti leggi della Repubblica Italiana.